Extra Curricula

Le attività extra curriculari vengono comunemente definite come quelle attività o esperienze, svolte al di fuori dell’orario lavorativo, che contribuiscono alla formazione della persona. A differenza degli hobby, si tratta di esperienze formative che vengono nella maggior parte dei casi svolte in gruppo o prevedono comunque la partecipazione ad attività per il bene di una collettività.

 

Extra Curricula è un programma di incontri che vuole regalare uno spaccato sull’approccio artistico e progettuale legato al mondo dell’arte contemporanea, alimentando una contaminazione che nasce e si sviluppa all’interno di Vulcano in maniera continuativa. Ogni tre settimane un artista, infatti, presenterà in azienda non solo il proprio lavoro, ma anche le modalità creative e il processo che lo guidano nel proprio percorso di ricerca. In particolare sono coinvolti artisti che, in modi diversi, hanno un legame con il mondo del lavoro. Come si riflette nella loro pratica questo legame, direttamente e indirettamente? Esiste questa contaminazione? La si può mettere in pratica in contesti differenti?

 

L’approccio extra curriculare del progetto può essere così applicato tanto alle persone che lavorano in Vulcano, inteso quindi come attività formativa al di fuori dalle incombenze legate ai progetti, tanto gli artisti, che oltre a presentare il proprio portfolio si confrontano con la necessità di contaminare attraverso la loro pratica artistica, o viceversa di trovare all’interno dell’azienda nuove contaminazioni che possano alimentarla.

Corinne Mazzoli 11/06/2021

Giancarlo Dell’Antonia 21/05/2021

Nero/Alessandro Neretti 30/04/2021

Matteo Attruia 09/04/2021

Corinne Mazzoli

11/06/2021

Corinne Mazzoli, nata a La Spezia, vive e lavora a Venezia.

Da anni la sua pratica artistica si avvale di video, foto, installazioni e performance e trae ispirazione dalle più recenti tendenze della moda e dello stile di vita, analizzate con occhio ironico e critico.

L’analisi del corpo femminile legato all’immagine sui social network è centrale nel suo processo di ricerca, in particolare Mazzoli esplora i costrutti identitari e gli stereotipi di genere in relazione alla rappresentazione online.

La forza della sua ricerca è insita nella scelta di spaziare dal piano visivo a quello psicologico attitudinale con una grande attenzione al lato pedagogico. Gli ultimi progetti si basano sulla ricerca teorica e sulla pratica laboratoriale, con l’obiettivo di dimostrare come questa combinazione possa aprire nuovi scenari visivi, pedagogici e psicoanalitici.

 

Selezione mostre:

2021 (upcoming) Tutorials, Museo MA*GA, curata da Alessandro Castiglioni, Gallarate (IT) – mostra personale.

2021 School of Waters, Mediterranea 19, curata da A Natural Oasis?, Repubblica di San Marino (SMR).

2021 Future School, partecipante nel Padiglione Corea per la 17^ Biennale di Architettura di Venezia (IT), progetto collettivo Lagoon Dialogues, realizzato come collettivo “The Venetian Team”.

2021 Dolomiti Care in Comunità Resilienti, Padiglione Italia per la 17^ Biennale di Architettura di Venezia (IT), partecipazione con il video L’uomo al limite.

 

www.salagiocchi.it

Giancarlo Dell’Antonia

21/05/2021

Artista visivo, libero professionista e docente di progettazione grafica.

 

Il suo lavoro è contraddistinto dall’utilizzo di più media, ed è concepito come un’indagine analitica che si è sempre più focalizzata sulla rappresentazione dello spazio. Ha esposto in molteplici mostre collettive e tenuto personali in Italia e all’estero, conseguendo apprezzamenti e consensi da parte del pubblico, del collezionismo e della critica.

 

Da anni si occupa di immagine digitale e sue applicazioni, non soltanto per l’elaborazione del processo digitale, ma soprattutto per gli effetti che produce, dell’influenza che la velocità di elaborare, memorizzare e trasmettere dati relativi all’immagine, determina la nostra percezione del reale. Ricerca di una rilettura dell’immagine attraverso un sistema di scomposizione e riconfigurazione della stessa. Il lavoro negli anni si è sviluppato attraverso il ritratto digitale ed il paesaggio contemporaneo combinando fotografia, stampa, pittura con il processo digitale.

 

www.giancarlodellantonia.it

Nero/Alessandro Neretti

30/04/2021

Nero/Alessandro Neretti, 1980

 

Artista visivo, ricercatore, critico osservatore della condizione contemporanea, conduce una personale indagine espressiva tesa a esplorare con occhio disincantato e impudente dinamiche e processi socio-politici ed economici, concentrando particolare attenzione sulla sfera della realizzazione individuale e collettiva, del desiderio, del corpo, del simbolo. Estende un costante lavoro di auto-fiction alla ricerca ambientale, che si rivolge allo spazio del qui e dell’ora, comprendendo valori architettonici, culturali e naturali. L’obiettivo finale è la provocazione, la resistenza, l’alternativa al collasso storico e culturale.

 

Alcuni dei suoi progetti personali sono stati ospitati da: CASABELLA laboratorio – Milano, Museum Beelden aan Zee – Scheveningen/Paesi Bassi, MAR – Museo d’Arte Della Città – Ravenna, PAC/Padiglione d’Arte Contemporanea – Milano.

Ha partecipato a mostre collettive, residenze d’artista e workshop in spazi come: Cinema Eden – Vallouris/Francia; Airbnb HQ – San Francisco/Stati Uniti d’America; Spaziu Kreattiv and Faculty of Media Knowledge and Science – Malta/Malta; International EgeArt Days – Izmir/Turchia; FLICAM – Fuping/Cina, World Ceramic Biennale International Workshop, Icheon/Repubblica di Corea; Andersen Museum – Nami Island/Repubblica di Corea; Kunstmuseum – Bornholms/Danimarca; Zichy Palace – Lodz/Polonia; Hagi Uragami Museum – Gifu/Giappone.

 

Nel 2019 vince il Primo Premio al 26° Concorso di Ceramica Contemporanea, Museo di Grottaglie; nel 2013 vince il Primo Premio al 58° Concorso Internazionale della Ceramica d’Arte Contemporanea – sezione under 40, Museo Internazionale delle Ceramiche di Faenza; nel 2008 vince il Bronze Award all’8° International Ceramics Competition di Mino, Museum of Modern Ceramic Art di Gifu/Giappone.

 

www.ovveronero.net

Matteo Attruia

09/04/2021

Nato a un certo punto, non cerca nessun tipo di approdo sicuro e preferisce, nel suo abile viaggio da profugo del concetto, una rassicurante domanda a fronte di una discutibile risposta.

 

“La sua ricerca, sempre venata d’ironia, trova dubbi proprio laddove sembrano esserci solo certezze. Nel realizzare i suoi eleganti e ironici cortocircuiti usa i più svariati mezzi espressivi, tra cui pittura, fotografia e riutilizzo di oggetti d’uso” (L. Conti).

 

Ha partecipato a numerose mostre tra Milano, Roma, Parigi, New York e nel 2018 è uscita “It’s Up for You” firmata per ILLY ART COLLECTION.

 

www.matteoattruia.com

How to customise yourself, still da video, 2021.
How to Pretend To Be Out in Nature, promo image, 2020.
L’Uomo al limite, still da video, 2019.
The Party Wall, performance, Handle with Care, Venezia, 2019. Ph Luca Pili.
Orbita Zero, performance, Electro Camp 4, Forte Marghera, Venezia 2016. Ph Lorenza Cini.
Tutorial #2: how to Cruise with a Bruise, performance, Centrale Fies, Dro, 2014. Ph Luca Pili.
777 - SALA GIOCCHI, performance con la band Rotorvator, Bevilacqua La Masa, Venezia, 2014. Ph Luca Pili.
SALA GIOCCHI, still da video, 2013.
Tutorial #1: how to get a Thigh Gap, still da video, 2013.
L’INFLUENTE, libro d’artista, 2012.
Sistema verticale, 1997 - fotografia, diapositiva da file, processo digitale, stampa su carta cibachrome su alluminio - 100x100 cm
Silenzioso limite / Sistema incognito, 1995/97 - fotografia, diapositiva da file, processo digitale, stampa su carta cibachrome su alluminio - 50x74 cm
Mentre cammino si spostano i luoghi, 2006 - fotografia, disegno vettoriale, processo digitale, stampa lambda su carta Ilfochrome su alluminio, plexiglas diasec - 50x50 cm
Mentre cammino si spostano i luoghi, 2006 - fotografia, disegno vettoriale, processo digitale, stampa lambda su carta Ilfochrome su alluminio, plexiglas diasec - 50x50 cm
Mentre cammino si spostano i luoghi. Salsa, 2008 - fotografia, disegno vettoriale, processo digitale, stampa su carta Kodak Endura su alluminio - 100x70 cm
Paesaggio armonico, 2019 - fotografia (GDA|Archivio 2016), cera, grafite, stampa su tavola - 60x75 cm - Courtesy Galleria Romberg Arte Contemporanea
Paesaggio scollegato, 2016 - fotografia (GDA|Archivio 2005), cera, grafite, stampa su tavola - 60x75 cm - Courtesy Galleria Romberg Arte Contemporanea
Paesaggio scollegato / VV 11, dittico, 2020 - fotografia (scatto 2020 GDA|Archivio), processo digitale, grafite su tavola - 100x70 cm singolo - Courtesy ConsArc Galleria
Attraversare il luogo / PN 21, 2020 - fotografia (2018 GDA Archivio), processo digitale, acrilico, grafite, cera su tavola - 80x65 cm
Autoritratto di artista senza luce, 2017 - fotografia, processo digitale su tavola - 60x42 cm
Premio Vasco Palombini 2020, exhibition view
SLOTH, 2020 - glazed earthenware (anonymous author, object trouvé), plexiglass, bricks, neon light - 150 x 120 x 62 cm
remember to breathe, 2020 - glazed earthenware, bricks, led lights, mixed materials - 185 x 740 x 213 cm
lazy susan, lazy susan, lazy susan, lazy susan, lazy susan, 2017 - glazed earthenware, aluminium and plastic ladder, plastic cones, multilayer pine wood, mechanical movement - 157,5 x 229,5 x 92 cm - ph Andrea Piffari
wild atlas between life and death (a special knowledge discount), 2019 - galvanized iron, mixed media on paper, glazed earthenware, object trouvé, recycled iron, aluminum, wood branches - 263 x 732 x 260 cm - ph Marco Piffari
series one bicycle wheel-new world fucker, 2017 - glazed earthenware, worn-out bicycle tires, aluminium, iron, rubber - ø70,5 x 8,5 cm
studio, da Robinson Repubblica, 2020
BAU BAU - stampa su carta cotone, 30x30cm. ed di 9. 2017
E.G.O. (help! new collector wanted) - acrilico, plexiglass e legno, 100 x 200 cm. 2020
I decided - acrilico su tubo neon. 120 x 2,5 cm. 2019
IO ABITO - coperta isotermica, 80 x 160 x 12cm. 2015
Le faremo sapere - lettera minatoria. collage su carta lucida, A4. 2013
Once upon a time, neon sign, 155 x 12, 2014
Questa casa non è un albergo - installazione lightbox - 280 x 60 cm 2019
Beato te - neon. diametro 30 cm - 2014